CATEWEB - Storie originali da una tipa originale

Ciao benvenuti nel mio sito blog! Mi presento. Sono Caterina e vivo in un piccolo paese in provincia di Napoli. Purtroppo sono molto distratta, per cui mi capita spesso di fare delle emerite figuracce che invece di nascondere al mondo ho deciso di pubblicare. Sono storie divertenti e originali. Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensate... scrivetemi !

giovedì 23 marzo 2006

Oggi lezione di gastro? nooo! Lezione su cateweb!

Dal 1994 al 2000 ho frequentato il Corso di laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari a Napoli e la figuraccia che ora descriverò è accaduta durante una lezione di gastroenterologia, un complementare.

Il prof di questo complementare è un medico molto bravo: era primario al policlinico di gastroenterologia ed è uno dei più bravi di Napoli (va e viene da Egitto, America e Canada come se niente fosse anche in una sola settimana), è anche una persona molto umana e gentile, cosa rara da trovarsi.
Comunque durante questa lezione stava spiegando la sindrome del colon irritabile (noi la chiamiamo colite) e stava dicendo che è dovuta principalmente ad un fatto emotivo e non all'alimentazione. Io, mentre il prof. parla, penso che mia madre da anni non prende il latte a causa di questa sindrome. Inizio quindi a valutare se porgli la domanda se è vero che il latte faceva male al colon.
Io in genere non faccio mai domande ai prof durante le lezioni ma a questo prof. tutti fanno domande e quindi dopo aver bene riflettuto penso tra me: "Che c'è di male: tutti gli fanno molte domande durante la lezione, perché io non dovrei farlo? Che mai può succedere? Dovrà semplicemente dire se è giusto o sbagliato e semmai spiegare il perché e io mi sarò tolta comunque questo dubbio".
Comunque io mi faccio forza e chiedo:
"Prof io so che chi soffre di colite non può prendere il latte. E' vero questo?"
Il prof dopo questa mia domanda inizia a guardarmi e mi fa un discorso di circa 5 minuti sulle fibre non scostando lo sguardo da me per tutto il tempo mentre io pensavo: " Ma chi cazzo ha mai parlato di fibre? Chi gliele ha mai chieste? Gliele ha chieste un'altra ragazza prima di me ma perché sta guardando solo ed esclusivamente me da tre ore? Lo sapevo che non dovevo chiedergli niente ma mica gli posso dire che non mi frega niente delle fibre: la domanda su esse è stata fatta anche se non da me!". Il bello è che il prof si esaltava a parlare delle fibre, del loro ruolo nel colon e non potevo fargli vedere che non me ne fregava niente, con lui che mi guardava illustrando con calore il ruolo delle fibre per il colon e quanto erano importanti e che era sbagliato credere il contrario, il tutto come se dovesse convincere me povera scettica che credeva il contrario.
Dopo quindi 5 minuti in cui io mi sorbisco, non volendo, una risposta che non era diretta a me, lui senza fermarsi, parla del latte: ora la mia domanda era fatta in generale non riguardava un mio problema al colon ma il prof che fa ? Per tutto il tempo si rivolge a me dicendo: " Tu che soffri di colon.." o " Per le persone che come te soffrono di problemi al colon.." o " Sono anni che dico alle persone che hanno i tuoi problemi alla pancia.".
Nel frattempo quasi tutta l'aula era girata verso me e verso il prof che si era avvicinato a me per rispondermi da vicino e io volevo sprofondare e pensavo: "Ma chi me l'ha fatto fare di fare una domanda? Ora tutta l'aula mi guarda schifata perché pensa che ho vado ogni 3 minuti in bagno e che non bevo il latte da anni per questi problemi (lo prendo tutte le mattine in realtà!)".
Fatto sta che dopo altri 5 minuti in cui il prof stava guardando solo me parlando del latte e rimproverandomi del fatto che non prendevo latte da anni inutilmente ma che dovevo farlo, anzi che dovevo mangiare di tutto altrimenti non avrei mai risolto il mio problema, io inizio a diventare rossa e a masticare penne e matite. Io mi emoziono già se mi guarda più di una persona, figurati se sto al centro di una lezione e tutti credano che io stia parlando dei miei problemi di salute e il prof cerca di aiutarmi dandomi consigli!
Credevo a quel punto che il peggio fosse passato, che il prof avesse smesso la spiegazione del latte e la lezione sarebbe continuata ma purtroppo non fu così.
Il prof notando il mio rossore decise di cambiare l'argomento del giorno di lezione e iniziò a spiegare quali erano i meccanismi che erano scattati in me che mi avevano fatto diventare rossa. Al che anche i pochi ragazzi che non si erano girati a guardarmi si voltano ed ora stava tutta la classe a fissarmi mentre il prof diceva: "Lei è rossa perché il cuore ha aumentato le pulsazioni e quindi è aumentato il flusso di sangue e si sono dilatati i capillari; il suo rossore ad esempio è dovuto ad una dilatazione dei capillari del viso....." e così via . In me nel frattempo si era scatenata una reazione irreversibile e da colorita ero diventata rosso fuoco e più diventavo rossa più i ragazzi mi guardavano e più mi guardavano più io mi facevo più rossa: ormai nessuno più guardava il prof: guardavano tutti ed esclusivamente me, compreso il prof che non aveva mai smesso di guardarmi da oramai più di 10 minuti, questa volta per illustrare bene i meccanismi che spiegava a tutti gli altri. Io nel frattempo desideravo ardentemente che sotto la mia sedia si aprisse un buco in modo da sprofondare ma dato che non accadeva nulla diventavo sempre più rossa e tra me facevo: "Ma che cazzo:una semplice domanda ho fatto: doveva rispondere sì o no e ora mi ritrovo che le persone prendono appunti su di me! La prossima volta che mi salta in mente un'idea del genere mi do da sola un cazzotto in bocca e mi costringo a non parlare".
Dopodiché il prof disse che se all'esame qualcuno si fosse presentato nelle mie condizioni lui avrebbe fallito l'intento del suo corso in cui per tutto il tempo aveva cercato di metterci a suo agio.
Comunque dopo circa 15 minuti di intensa figura di merda la lezione finisce e io inizio a riprendere il colorito normale, anche se molto lentamente : non mi sono mai fatta così rossa e credo di non aver neanche mai sudato tanto.
Quando raccontai il giorno dopo questa figura ad una mia amica che, dopo che aveva riso, mi rispose seria:"Guarda Cate tutti facciamo figuracce anche a me è capitato in vita mia di averle fatte ma quello che colpisce delle tue è che non sono normali ma sono eclatanti, grandiose insomma sono figure all'ennesima potenza " Diciamo che anche se in mente a me la mandavo a quel paese nell'inconscio so che ha ragione: non è da tutti trasformare con una semplice domanda (mi sono solo limitata a quello infatti: sono state le uniche mie parole pronunciate durante tutto l'arco di tempo) una lezione sul colon in una lezione sul come funzionano i capillari (considerando che il corso era di Gastroenterologia!) e contemporaneamente incentrare tutta l'attenzione di aula e prof su di un'unica persona .

1 Commenti:

Alle 11:21 AM , Blogger marco ha detto...

sei una grande!!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page